Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

CAMBIARE, TRA CONFINI E SCONFINAMENTI

LA SICUREZZA DELLO STARE. LE INCERTEZZE DELL’OSARE

1° Filone: UN CANTIERE PER UN NUOVO WELFARE: DIRITTI, SALUTE, BENESSERE
19 settembre 08:30 - 17:00
imagesXSITO
presso:
Comune di Torino
Via Bruino, 4, Torino
+ Google Map:

CODICE EVENTO: 27516
DESTINATARI: Assistenti Sociali

PRESENTAZIONE
Una delle parole che circola continuamente, nel linguaggio analogico e digitale, è CAMBIAMENTO.
Quante volte i professionisti della relazione di aiuto (agenti di cambiamento ?), nella loro pratica quotidiana come nella relazioni informali, la utilizzano ! Ma cambiare è sempre complesso, è sempre più complesso cambiare: cambiare, aiutare a cambiare, le persone di cui ci si deve occupare per “ragioni di servizio”, cambiare le organizzazioni,…….ma anche, cambiare le relazioni interpersonali, e……cambiare se stessi.
In questa complessità il cambiamento mette sempre in gioco il desiderio di cambiare e – contemporaneamente – le resistenze al cambiamento, mette in gioco i CONFINI personali, istituzionali, organizzativi, spaziali, mentali geografici, culturali, politici…….CONFINI che spesso sono “muri” alti e spessi, impenetrabili; o – all’opposto – CONFINI troppo labili, tanto da non garantire la necessaria sicurezza di cui tutti abbiamo bisogno. In questo contesto ci potremmo spiegare la crisi di alcune idee-valori chiave, ad es. INTERGRAZIONE a livello sociale, politico, culturale, organizzativo (vds il mitico sistema INTEGRATO di interventi e servizi sociali).
Così il cambiamento vero implica un mettersi in cammino, un andare oltre, un migrare, un disporsi ad abitare la distanza e ad attraversare luoghi sconosciuti, forse ad abitare lo sconosciuto che è in noi….e mai sentirsi davvero arrivati !
Si tratta di misurarsi con lo sconfinare, con la trasgressione (….l’obbedienza non è più una virtù, Don L. Milani, 1965), con la capacità e volontà di lasciarci dietro passioni tristi (in particolare l’ira, l’odio, la vendetta, l’invidia), con le resistenze al cambiamento (….non voglio, non posso, non so fare), con il disordine, la disarmonia, l’incoerenza,…..
Uno sconfinamento che richiede coraggio poiché implica l’uscire da un perimetro che delimita ma rassicura, andare alla ricerca di processi innovativi dalla competenza formale alla conoscenza (là dove la realtà si adegua aderendo alla fantasia !), sperimentarsi oltre le zone di comfort, verso nuove zone di apprendimento evitando di precipitare in zone di stress. Verso un locus of control ove matura la percezione soggettiva sul proprio destino e sugli eventi.

Abitare i confini, vivere l’altrimenti
L’esercizio del potere buono, quello che ha a che fare con il senso
del possibile, è strettamente connesso all’esercizio del pensare.
Pensare è imparare ad abitare i confini, per scorgere l’altrimenti
(IV app naz di Animazione Sociale, Fare società oggi, novembre 2017)


Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

ACCEDI ORA AL SITO:


DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (presente solo se già disponibile):

Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

    Details

    Date:
    19 settembre
    Time:
    08:30 - 17:00

    Organizzatore

    Associazione La Bottega del Possibile
    Phone:
    0121/953377

    Luogo

    Comune di Torino
    Via Bruino, 4, Torino + Google Map:
    Le iscrizioni online per questo seminario al momento sono chiuse.
    Per avere informazioni è possibile contattare la segreteria telefonicamente o via fax al numero 0121/953377 oppure inviando una mail a segreteria@bottegadelpossibile.it