Caricamento Eventi

I DIRITTI DI CITTADINANZA NEL WELFARE

DIRITTI – ESIGIBILITÀ – UNIVERSALISMO: FONDAMENTI SUPERATI?

1° Filone: UN CANTIERE PER UN NUOVO WELFARE: DIRITTI, SALUTE, BENESSERE
21 ottobre 08:30 - 17:00
index
presso:
INFORCOOP
Via Gressoney, 29/b, TORINO
+ Google Map:

CODICE EVENTO: 34532
DESTINATARI: tutte le professioni

CODICE EVENTO: 34679
DESTINATARI: Assistenti Sociali

PRESENTAZIONE

In quanto cittadino di una comunità posso fruire di diritti. E’ istintivo pensarlo, ma quali diritti? Non vi sono dubbi su diritti che la Costituzione o norme specifiche hanno codificato, dal diritto al voto a quelli di libertà personale. Ma i diritti a ricevere tutele dal welfare pubblico? Ed “essere “cittadini” è di per sé garanzia per ricevere gli interventi del welfare?
Non c’è amministratore od operatore dei servizi pubblici che non debba misurarsi col dover spiegare ai cittadini i limiti di accesso a diverse forme di tutela; dunque come i diritti a prestazioni concretamente si attuano è un tema cruciale, sia per i cittadini che per chi opera nei servizi o li amministra.
Ma “essere cittadini” è la stessa cosa di “fruire dei diritti di cittadinanza”? Insomma, per citare Rodotà, qual’é il “diritto di avere diritti”? E che cosa è la “cittadinanza” che abbiamo in mente:
• un criterio giuridicamente definito (avere una specifica cittadinanza nel passaporto? Limiti al tipo di permesso di soggiorno?);
• un concetto sociologico (appartenere ad una comunità, magari da un tempo minimo prefissato)?
• un desiderio politico (poter fruire di tutele in quanto persone che vivono nello stesso territorio?)

Dal gioco di queste diverse linee, che spesso nel welfare italiano sono confuse e contradditorie, dipende ciò che si può ricevere dal welfare pubblico, ossia derivano sia i concreti “criteri di accesso” agli interventi (chi può richiedere che cosa) sia il grado di esigibilità (che cosa si può pretendere di ricevere). Ed è per questo che merita riflettere su “che cosa è la cittadinanza nel welfare” per gli effetti concreti che produce sui cittadini.
Questo è lo scopo del presente seminario, nel quale il tema sarà discusso sotto diversi profili, considerando che si può articolare intorno a molti interrogativi:
• nel welfare italiano i “diritti di cittadinanza” operano nello stesso modo per diverse prestazioni? E se vi sono differenze, anche nelle normative, sono razionali e motivate?
• Visto che non è legittimo differenziare le prestazioni (di qualunque natura) in base alla cittadinanza formale (ossia essere o no stranieri), quali altri meccanismi sono in atto per limitare gli accessi o l’esigibilità?
• Desideriamo un welfare estesamente universalistico (tutti devono poter ricevere tutto), oppure improntato ad un universalismo selettivo (tutti devono poter richiedere, ma alcuni interventi sono limitati in base a selezioni di condizione economica), oppure che rafforzi limitazioni ed eleggibilità?
• E’ necessario ridurre l’offerta di prestazioni pubbliche per la limitatezza delle risorse disponibili? Oppure, come accade negli interventi sociosanitari, subordinare sempre l’esigibilità alla disponibilità di risorse finanziarie?
• La riduzione di bisogni può essere garantita solo con le offerte dei servizi (pubblici o del welfare mix), oppure richiede anche comunità più inclusive e lavoro degli operatori che sia “promotore di diritti”? Dunque se da un lato sono cruciali i criteri formali che definiscono diritti e prestazioni azioni, occorrono anche azioni che incidano sulle dinamiche sociali e facciano crescere capitale sociale? Ma a cura di quali attori? E come il lavoro degli operatori può promuovere diritti?


Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

ACCEDI ORA AL SITO:


DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (presente solo se già disponibile):

Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

    Details

    Date:
    21 ottobre
    Time:
    08:30 - 17:00

    Organizzatore

    Associazione La Bottega del Possibile
    Phone:
    0121/953377

    Luogo

    INFORCOOP
    Via Gressoney, 29/b, TORINO + Google Map:

    Iscrizione al seminario:

    Seminario 21-10-2019€ 55,00 IVA inclusa
    Il prezzo promozionale di prevendita è valido fino a 20 giorni precedenti alla data del seminario a meno che non sia specificato diversamente nella descrizione. Per usufruire di questa tariffa agevolata è necessario che il pagamento sia effettuato entro e non oltre tale data. Di conseguenza, una volta terminata la promozione, se non fosse ancora stato effettuato il pagamento, sarà necessario corrispondere la tariffa piena.

    Le iscrizioni ai seminari che prevedono il rilascio dei crediti ECM saranno registrate anche sul portale ECM Piemonte dalla segreteria dell'Associazione, passaggio obbligatorio. I dipendenti dell’ASL TO3 dovranno invece seguire la consueta procedura.

    Procedendo all'acquisto del biglietto ti verrà proposta la registrazione al sito per accedere successivamente alla documentazione riservata. Inoltre potrai scegliere il metodo di pagamento che meglio si adatta alle tue esigenze.