Caricamento Eventi

LE POLITICHE A SOSTEGNO DI UN WELFARE DI INVESTIMENTO

CONFRONTO TRA ESPONENTI NAZIONALI DELLA POLITICA E DELLE ASSOCIAZIONI

SEMINARIO DI CORNICE
1 ottobre 08:30 - 13:30
index
presso:
Servizio Passepartout Comune di Torino
Via San Marino, 10, Torino 10134
+ Google Map:

CODICE EVENTO: 30832
DESTINATARI: tutte le professioni

CODICE EVENTO: 27464
DESTINATARI: Assistenti Sociali

N.B. in occasione di questo seminario non è previsto il servizio di ristorazione durante la pausa pranzo. Di conseguenza procedendo all'iscrizione, quando vi verrà richiesta la partecipazione al pranzo, vi chiediamo cortesemente di selezionare l'opzione "NO"

PRESENTAZIONE

L’invecchiamento della popolazione, la crescita delle disuguaglianze, la condizione di povertà, la crisi occupazionale, il disagio abitativo e il fenomeno delle migrazioni sono alcuni dei fenomeni principali che mettono a dura prova l’attuale sistema di welfare; sistema che necessiterebbe di un rilancio, di innovazione, di una più attenta allocazione delle attuali risorse pubbliche a suo sostegno. Poiché il nostro attuale sistema è non solo inadeguato ma anche iniquo, poiché eroga anche misure che non sempre sono indirizzate ai più bisognosi. L’Italia è uno dei Paesi più vecchi del mondo e lo diventerà ancor di più. L’Italia sta inoltre affrontando il processo urbanizzazione che nel 2050 la porterà ad avere ben il 78% della popolazione urbana, dato che reclama un intervento mirato sulle aree interne per contrastare il processo in atto.
Nel 2014 la spesa sociale complessiva del nostro Paese è stata pari al 29,9%, percentuale superiore alla media europea a 28, pari al 28,7% del Pil (Eurostat). Si tratta di dati che smentiscono il luogo comune secondo cui in Italia, per il welfare, si spende meno che negli altri Paesi. Si spende male e si erogano in particolare contributi economici a scapito dei servizi. Il nostro sistema è ancora un sistema categoriale, assistenziale e centrato sui trasferimenti economici. Restano quindi i tradizionali squilibri del nostro sistema pubblico di welfare, incapace di fornire risposte soprattutto sul fronte dell’impoverimento che ha interessato vasti strati sociali, degli aiuti alle famiglie, della conciliazione, dell’assistenza continuativa alle persone fragili e non autosufficienti.
Previdenza e sanità rimangono la componente maggioritaria del welfare pubblico. Sale a 35,2 miliardi di euro la spesa privata sostenuta per la sanità, nell’ultimo anno 12,2 milioni di italiani hanno rinunciato o rinviato prestazioni sanitarie, 1,2 milioni in più rispetto all’anno precedente (Dati del Rapporto Censis).
Di questi 2/3 sono affetti da malattie croniche, a basso reddito, le donne e i non autosufficienti. Non solo: 7,8 milioni di italiani hanno dovuto utilizzare per le spese sanitarie tutti i propri risparmi o indebitarsi con parenti, amici o presso banche e istituti di credito vari. Altro dato riportato è che hanno avuto difficoltà ben il 51,4% delle famiglie con al proprio interno una persona non autosufficiente che hanno affrontato spese sanitarie di tasca propria.
Ci sono, inoltre, tesi che dimostrano che senza correttivi il nostro Sistema Sanitario Nazionale rischia il collasso e il venir meno dell’universalismo a causa dell’inadeguatezza delle risorse stanziate.
Sono cambiate le famiglie, gli anziani, i bisogni; i servizi non possono continuare a restare gli stessi. L’assistenza domiciliare classica, poco adeguata a esigenze di cura continuativa, risulta sempre più residuale, nel caso del SAD – o comunque troppo poco intensa – nel caso dell’ADI. Modalità nuove e più efficaci per supportare la domiciliarità, quindi, non possono limitarsi né ai servizi domiciliari né, tantomeno, a una mera “badantizzazione” del welfare ma devono esplorare prospettive più ampie.
La prossima legislatura che si insedierà dopo le elezioni del 4 Marzo 2018 non potrà non affrontare i temi sopra enunciati, varando nuove riforme e piani per il rilancio del welfare dei servizi, affinchè sia più adeguato, giusto, partecipato e capace di rigenerare anche parte delle risorse stanziate. Un nuovo welfare di prossimità è quello al quale ci ispiriamo sorretto da risorse pubbliche adeguate e da operatori formati, motivati, riconosciuti e valorizzati, un nuovo welfare non più considerato un costo ma un investimento per lo sviluppo del nostro paese.
Il seminario vuole pertanto offrire un’occasione di confronto a tutti coloro che si occupano e sono interessati a salvaguardare e rilanciare il sistema di welfare nel nostro Paese; rivolgendosi, in particolare, all’insieme degli Operatori dei Servizi, dei Comuni, ai quadri Responsabili ed ai Dirigenti, agli Amministratori locali. Un seminario voluto anche per misurarsi con coloro che assumeranno delle responsabilità politiche importanti e in cui chiederemo ai responsabili dell’area welfare delle forze politiche e dell’associazionismo quali impegni assumeranno nell’immediato futuro per rilanciare, riposizionare, sviluppare il nostro sistema di welfare.


Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

ACCEDI ORA AL SITO:


DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (presente solo se già disponibile):

Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

    Details

    Date:
    1 ottobre
    Time:
    08:30 - 13:30

    Organizzatore

    Associazione La Bottega del Possibile
    Phone:
    0121/953377

    Luogo

    Servizio Passepartout Comune di Torino
    Via San Marino, 10, Torino 10134 + Google Map:

    Iscrizione al seminario:

    Seminario 01-10-2018€ 15,00 IVA inclusa
    Il prezzo promozionale di prevendita è valido fino a 20 giorni precedenti alla data del seminario a meno che non sia specificato diversamente nella descrizione. Per usufruire di questa tariffa agevolata è necessario che il pagamento sia effettuato entro e non oltre tale data. Di conseguenza, una volta terminata la promozione, se non fosse ancora stato effettuato il pagamento, sarà necessario corrispondere la tariffa piena.

    Le iscrizioni ai seminari che prevedono il rilascio dei crediti ECM saranno registrate anche sul portale ECM Piemonte dalla segreteria dell'Associazione, passaggio obbligatorio. I dipendenti dell’ASL TO3 dovranno invece seguire la consueta procedura.

    Procedendo all'acquisto del biglietto ti verrà proposta la registrazione al sito per accedere successivamente alla documentazione riservata. Inoltre potrai scegliere il metodo di pagamento che meglio si adatta alle tue esigenze.

    N.B. in occasione di questo seminario non è previsto il servizio di ristorazione durante la pausa pranzo. Di conseguenza procedendo all'iscrizione, quando vi verrà richiesta la partecipazione al pranzo, vi chiediamo cortesemente di selezionare l'opzione "NO"