Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

PRENDERSI CURA DELLE PERSONE CON LA “MENTE SMARRITA” AL DOMICILIO

Con quali servizi e interventi: esperienze e prospettive

borsa_degli_attrezzi LA BORSA DEGLI ATTREZZI
Filone: DOMICILIARITÀ E NON AUTOSUFFICIENZA
19 maggio 08:30 - 16:30
Anziana mento su mano
presso:
RSA Il Trifoglio
Via Andorno, 17 , Torino 10153
+ Google Map:

PRESENTAZIONE

La demenza comporta un progressivo deterioramento fisico e psichico della persona, con una graduale perdita di autonomia e di identità che inevitabilmente ricade sulla famiglia. Le carenze del nostro sistema dei servizi, l’insufficienza delle sue risposte, ricadono, in gran parte, sulla famiglia della persona ammalata, la quale deve assumersi il carico assistenziale che diventa sempre più oneroso sia sul piano fisico sia su quello psicologico.
Le demenze, in crescente aumento nella popolazione generale, sono state definite nel Rapporto OMS e ADI del 2012 “una priorità mondiale di salute pubblica”.
Il “Piano nazionale demenze. Strategie per la promozione ed il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel settore delle demenze”, approvato nell’ottobre 2014, promuove e migliora gli interventi relativi alle demenze sugli aspetti terapeutici specialistici e sul sostegno del malato e dei familiari.
Di fronte a questa crescente domanda di salute, il sistema dei servizi socio-sanitari del nostro Paese non ha finora investito in maniera adeguata sui servizi territoriali e sul sostegno alla domiciliarità. Oltre ad una risposta a carattere residenziale, del tutto inadeguata rispetto alle necessità, specie nell’ambito dei disturbi cognitivi, l’offerta oltre ad essere limitata è anche povera, con differenze territoriali anche significative.
La presenza di Centri Diurni è del tutto insufficiente, in moltissimi territori sono servizi inesistenti.
I Caffè Alzheimer si sono rivelati preziosissimi ma nonostante siano, in alcune realtà, presenti da anni, non rappresentano ancora un servizio sostenuto dal sistema: il mantenimento e la sostenibilità degli stessi sono lasciati alle capacità e alla creatività delle associazioni e alle realtà del terzo settore.
Nonostante questo quadro descritto, diverse realtà territoriali hanno saputo sviluppare progettualità innovative, con nuovi interventi e servizi differenziati, una sorta di filiera preziosissima per aiutare le persone colpite da una forma di demenza a mantenere uno stile di vita attivo, il rispetto della loro identità e dignità.
Realtà che hanno saputo attivare nuovi luoghi e percorsi di cura, comunità amichevoli, per ritardare il più possibile l’istituzionalizzazione e per dare supporto e sollievo ai caregiver. Luoghi di socializzazione, come possono essere i Caffè Alzheimer, Centri Diurni ma anche notturni, servizi di riabilitazione cognitiva e motoria come ad esempio le Palestre della Mente. Realtà che hanno investito sulla ricerca, sulla formazione, sulle terapie non farmacologiche, sulla creatività e disponibilità degli operatori e sulla partecipazione di volontari e dei familiari, contribuendo così a rendere possibile il prendersi cura, alleggerendo la fatica dei caregiver, mantenendo la persona anziana ammalata il più a lungo possibile nel proprio ambiente di vita.
Il seminario vuole essere un’occasione di confronto, di scambio di esperienze, di conoscenza, di riflessione, ma anche occasione per prefigurare nuovi interventi e nuove progettualità, valutando la trasferibilità delle esperienze che saranno illustrate.


Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

ACCEDI ORA AL SITO:


DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (presente solo se già disponibile):

Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

    Details

    Date:
    19 maggio
    Time:
    08:30 - 16:30

    Organizzatore

    Associazione La Bottega del Possibile
    Phone:
    0121/953377

    Luogo

    RSA Il Trifoglio
    Via Andorno, 17 , Torino 10153 + Google Map:
    Le iscrizioni online per questo evento al momento sono chiuse.
    Per avere informazioni è possibile contattare la segreteria telefonicamente o via fax al numero 0121/953377 oppure inviando una mail a segreteria@bottegadelpossibile.it