Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

QUANDO I LUOGHI DELLA CURA SI SEPARANO DALLA RETE DEI SERVIZI TERRITORIALI: SANITÀ E SOCIALE, L’INTEGRAZIONE GIÀ REALIZZATA È A RISCHIO?

27 marzo 2012
presso:

27 marzo 2012

Martedì 27 Marzo 2012  ore 8,30-17

presso

Fondazione PAIDEIA – Piazza Solferino 9 – TORINO

PRESENTAZIONE

 

Il Piemonte è sempre stato una realtà avanzata per il sistema dei servizi sociosanitari, una storia che parte da lontano, ben prima della riforma della Legge 833 del 1978 e prima ancora del DPR 616/1977. In molte realtà territoriali, si erano già sperimentate e avviate forme d’integrazione, che portarono poi alla nascita delle UU.SS.LL. Da allora la sanità continuò a proseguire su un proprio cammino di sviluppo, sia sul piano quantitativo che qualitativo, ma anche di riorganizzazione dei servizi e dei Distretti sanitari.

I servizi sociali furono organizzati tramite Consorzi di Comuni, divenuti Enti Gestori.

La sanità proseguì con i processi d’aziendalizzazione, il consolidamento delle ASL e, in seguito, con successivi piani di riorganizzazione, razionalizzazione e l’accorpamento delle ASL. Possiamo però affermare che l’integrazione socio-sanitaria ha sempre avuto e saputo garantire buoni livelli di prestazione, nonostante vi fossero gestioni “separate” tra il sociale e il sanitario.

Nei mesi scorsi si è avviato nella nostra Regione il confronto sulla proposta di un nuovo piano sociosanitario, una proposta di piano che prefigura un modello di sanità diverso da quello finora avuto, che prevedrebbe una riorganizzazione della rete ospedaliera, una proposta di riorganizzazione delle ASL in un coordinamento di sei Federazioni sanitarie, assegnando ad esse il compito della programmazione locale, della rete ospedaliera e della rete dei servizi territoriali. Il singolo territorio verrebbe così a trovarsi in una posizione più debole, con ripercussioni sul ruolo oggi assegnato alla democrazia rappresentativa conla Conferenzadei Sindaci di ASL, la Conferenza di Partecipazione, i Comitati di Distretto dei Sindaci, si metterebbe così in discussione quanto si era finora realizzato e costruito. Va riconosciuto che non vi è in Italia un unico modello. Diversi sono i sistemi che sono andati costruendosi nelle diverse realtà regionali; si è proceduto con nuovi modelli organizzativi dentro piani di riorganizzazione/razionalizzazione come ad esempio in Lombardia, Toscana e l’Emilia.

Il seminario vuole essere occasione per sviluppare un confronto sul tema, provando a far emergere però anche i punti di debolezza, le insufficienze e carenze, nonché la necessità d’interventi che possono migliorare gli attuali livelli e l’efficacia dell’integrazione finora raggiunta.

Proveremo a farlo con gli autorevoli esperti che prenderanno parte all’evento, in un confronto anche con diverse esperienze territoriali. È un’occasione che riteniamo interessante come stimolo per proseguire lungo la strada dell’integrazione socio-sanitaria percorsa nel tempo, facendo tesoro delle buone prassi, per non retrocedere e continuare a credere che “l’impossibile può diventare possibile”, come spesso è stato dimostrato nella storia dei servizi.

 

Scarica il programma

 

 


Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

ACCEDI ORA AL SITO:


DOCUMENTAZIONE ALLEGATA (presente solo se già disponibile):

Per visualizzare la documentazione devi accedere al sito.

    Details

    Date:
    27 marzo 2012