Programma Punto di Ascolto

venerdì 20 maggio – mattina
PROGRAMMA

ore 8,30 accoglienza e registrazione dei partecipanti

ore 9 SALUTI
 Salvatore Rao Vice Presidente de “La Bottega del Possibile”
 Ugo Cavallera Assessore all’Edilizia Pubblica, Regione Piemonte
 Luigi Morello Compagnia di San Paolo, Torino

LA CULTURA DELLA DOMICILIARITÀ NELLA CORNICE DI UNA POLITICA SOCIALE GLOBALE

La casa non è una gabbia dorata … dalla casa si esce per abitare l’intorno.
Serve una politica di sistema anche per l’abitare.
Mariena Scassellati Sforzolini Galetti, Presidente de “La Bottega del Possibile”

ore 10,15 «“QUANDO UNO STA BENE FA BELLA FIGURA”.
IL SISTEMA DOMICILIARITÀ. LA BELLEZZA DELLA DOMICILIARITÀ»

Proiezione video dell’Associazione

ore 10,35 “Guai se dovessi un giorno o l’altro andarmene di qui e dovermi
conquistare uno spazio nuovo. La propria casa dà sicurezza…”

Norberto Bobbio filosofo, socio onorario de “La Bottega del Possibile”
Un saluto di Andrea Bobbio in memoria del padre

ore 10,45 LA FELICITÀ E LA BELLEZZA DELLA DOMICILIARITÀ: UNA CONFERMA
 Maurizio Bergamo architetto, Facoltà di Architettura – Università di Venezia
 Carlo Zanin architetto, Area Welfare di Comunità, ASS 5 Bassa Friulana, Regione Friuli Venezia Giulia

Sono entrambi autori del libro “Le tre età della vita. L’architettura della domiciliarità”.

ore 11,30 Intervallo

ore 11,45 LA DOMICILIARITÀ COME COSTRUZIONE DEL PIACERE DI STARE INSIEME
Gabriele Righetto architetto urbanista “partecipativo”, direttore “Associazione Italiana Ecologia Umana”, Padova

L’ABITARE POSSIBILE. UNO SGUARDO SULL’EUROPA
Giulio Antonini Area Welfare della Comunità ASS 5 Bassa Friulana, Regione Friuli Venezia Giulia

ore 12,30 L’ARCHITETTURA SOCIALE SPAZIARE NELLA SPIEGAZIONE DEI “TRUCCHI”, DELLE SCELTE E IMPATTI PER L’INTEGRAZIONE
 Gabriele Rabaiotti, Ricercatore presso il Politecnico di Milano. Insegna “Analisi della città e del territorio” e “Progettazione di Politiche Urbane”.
Da anni si interessa di politiche della casa e di interventi integrati a scala locale in quartieri difficili;
già collaboratore con l’Istituto per la Ricerca Sociale di
Milano, oggi lavora con “Kcity”.

 Assunta D’Innocenzo, architetto, direttore “A&A” Associazione “Abitare e Anziani”, Responsabile di programmi sperimentali per la Terza Età, Roma

ore 13,30-14,30 Pausa per il pranzo

venerdì 20 maggio – pomeriggio

Ore 14,30 Ripresa dei lavori
GEOGRAFIE, ARCHITETTURE, INGEGNERIE DELLA DOMICILIARITÀ
Definizioni di pratiche di pensiero e azioni Presentazione dei lavori del pomeriggio in vista del “Manifesto della Domiciliarità”.
Salvatore Rao

Workshop per la preparazione della bozza del Manifesto “Le Architetture della Domiciliarità”

I workshop saranno supportati anche da un’équipe pluridisciplinare coordinata da
Giovanni Francesco Magnani, informatico, domotico, Torino

1) LA PERSONA, ATTORE E REGISTA DELLA PROPRIA AUTONOMIA E AUTODETERMINAZIONE
Coordina: Alberto Grizzo (*), Coordinatore socio sanitario ASS6 Friuli Occidentale, Pordenone

 “Le case ritrovate” Cooperativa “La Bula”, Parma
Proiezione di un video.

 “La Casa al Sole” per l’autonomia dei ragazzi down, Pordenone.
Proiezione di un video, Alberto Grizzo

 Il progetto “Teatro Senza Confini”
Sara Scrima e Maurizio Bertolini, Associazione Fabula Rasa, Val Susa (TO)
Discussione in gruppo.

2) LA PERSONA SI-CURA… IN UNA CASA SU MISURA
Coordina: Pietro Stefanini (*), assistente sociale, sociologo, esperto di disabilità, docente Università di Parma
 “I Centri per l’Adattamento dell’Ambiente Domestico” (CAAD) nell’esperienza dell’Emilia Romagna
Pietro Stefanini
 Una casa adatta per sostenere la domiciliarità. La famiglia, la casa, i servizi: le variabili della domiciliarità
Annalisa Rolli, assistente sociale Servizio Disabili e CAAD, Comune di Parma
 Le tecnologie a sostegno della domiciliarità
Guido Matrella, ingegnere Università di Parma, consulente per progetti domotici
presso CAAD e la Provincia di Parma
Discussione in gruppo.

3) L’INTORNO: COMUNITÀ, SPAZI, AMBIENTE, CONTESTO, RETE
Coordina: Remo Siza (*) esperto in politiche sociali, Università di Cagliari
 La responsabilità della comunità locale e la sua rendicontazione
Aldo Romagnolli, Presidente Osservatorio Economia Civile, Camera di Commercio di Torino
 Le “Case Vitrotti” di Moncalieri (TO)
Maurizio Zanfabro, Cooperativa Sociale Animazione Valdocco, Torino
 L’accoglienza tra il “verde”
Mirella Morsone, imprenditrice agricola, Alpignano (TO)
Discussione in gruppo.

4) L’INTORNO: IL BEN-ESSERE, PILASTRO PORTANTE
Coordina: Giulio Fornero, medico, Direzione Sanitaria Ospedale San Giovanni Battista, Torino
 L’esperienza dell’équipe Supported Housing
Dipartimento Salute Mentale
Polo Universitario, Ospedale Sacco, Milano
Andrea Valmassoi, psicologo
 “Quando lo Scuolabus non passa più”
Fabio Comunello, Presidente Fattoria Sociale “Conca d’Oro”, Bassano del Grappa (VI)
 Il C.A.S.A. (Centro Autismo e Sindrome di Asperger) dell’Ospedale di Mondovì,
Francesca Vinai, educatrice, ASL CN1, Mondovì (CN)
Proiezione del video sul Centro
Discussione in gruppo.

Ore 17,30 Dibattito
Ore 18 Termine lavori della prima giornata

sabato 21 maggio
PROGRAMMA

Ore 8,30 Accoglienza

Ore 9 Inizio lavori
“L’ANGOLO DI CATE”
Proiezione video dell’Associazione

Ore 9,30 LA CITTÀ SU MISURA: L’INTORNO A SOSTEGNO DELL’AUTONOMIA E DELL’AUTODETERMINAZIONE
Ugo Baldini, urbanista, “Caire” Cooperativa Architetti e Urbanisti, Reggio Emilia
ETICA ECONOMICA E POLITICA
 Roberto Burlando (*), docente di politica economica, etica ed economia finanza etica e microcredito, Facoltà Scienze Politiche, Università di Torino
 Sergio Conti (*), docente di geografia economica, Politecnico di Torino

Ore 10,45 INTEGRAZIONE DELLA BOZZA DEL “MANIFESTO DELLA DOMICILIARITÀ” IN BASE AL RISULTATO DEI LAVORI DI GRUPPO
a cura dei coordinatori dei gruppi

Ore 11,20 Intervallo

Ore 11,40 Dibattito

Ore 12,15 IL TEMA DELLA DOMICILIARITÀ NEL QUADRO DI UN NUOVO WELFARE
LA PRESENTAZIONE DELLA BOZZA DI UN MANIFESTO SULLA DOMICILIARITÀ

 Alfredo Mela, Sociologia urbana e dell’ambiente, Facoltà di Architettura, Politecnico di Torino
 Salvatore Rao, Vice Presidente de “La Bottega del Possibile”

Ore 13 Conclusioni a cura del Coordinatore

Ore 13,30 Termine dei lavori
Coordina: Renzo Scortegagna (*), sociologo, Università degli Studi di Padova

(*) socio de “La Bottega del Possibile”.